Freschezza e classe per il Verona: i primi pensieri di Cortinovis

Un numero 10 vecchio stampo pronto a stupire in Serie A. Alessandro Cortinovis ha il viso pulito e asciutto di un talento che vuole sfondare nel gotha del calcio italiano e non solo. Il fantasista classe 2001 è nato e cresciuto nel settore giovanile dell’Atalanta. Nella scorsa stagione è andato a farsi le ossa in Serie B con la maglia della Reggina (33 presenze e 1 gol).

Questa estate ha scelto di sposare il progetto gialloblu affidando il suo estro alle cure dell’allenatore Cioffi. Saprà davvero spiccare il volo? Lo scopriremo strada facendo a partire dal weekend del 13 e 14 agosto.

Nel frattempo Cortinovis si è presentato a stampa e tifosi nella conferenza di rito. “Nasco trequartista – ha dichiarato l’ex bergamasco – ma nei miei ultimi anni in Primavera ho giocato anche come mezz’ala, due ruoli che ho ricoperto anche lo scorso anno alla Reggina. In generale penso di poter essere considerato come un giocatore di fantasia. In entrambi i ruoli devo sicuramente ancora migliorarmi, ma personalmente preferisco giocare come mezz’ala. Sono contento del modulo che sta utilizzando il mister, mi trovo a mio agio: ogni giorno continuerò a lavorare con la squadra per continuare a migliorarmi... So di essere stato definito fin da piccolo come un giocatore che poteva fare carriera, ma non ho mai sentito questo tipo pressione. Per me il calcio è un gioco, lo vivo così da sempre: conosco le aspettative di questo mondo, ma io cerco di viverlo con serenità, dando comunque sempre il massimo. Sono qui da poco, ma ho già potuto vedere e conoscere il gruppo che mi ha accolto benissimo. Penso stia nascendo un Verona compatto, con grande carattere e determinazione e che soprattutto ha voglia di vincere“.

Total
4
Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts