Rugani: “Speravo di giocare di più”

Il difensore della Juventus parla della sua stagione e del Coronavirus.

rugani

Il difensore della Juventus Daniele Rugani fa il punto della situazione dopo i mesi difficile a causa del Coronavirus: "Due giorni dopo la partita con l’Inter, dopo l’allenamento mi si è alzata la temperatura, mi sentivo strano e avevo più caldo del solito. Il giorno dopo la febbre era scesa a 36".

"Bundesliga? L'ho vista a spezzoni. E' strano vedere stadi vuoti, giocatori in panchina separati con le mascherine. Ma giustamente occorre fare il massimo per tornare in campo con la massima sicurezza possibile. Sono misure che vanno accettate, anche se strane. Attendiamo che il Governo faccia del proprio meglio per mandarci in campo in sicurezza". 

Rugani è stato finora impiegato con il contagocce: "Speravo di giocare di più, ma il mister fa le sue scelte, io penso a lavorare nel modo migliore per far bene quando vengo chiamato in causa: è la mia filosofia e continuerò a fare così". 

ARTICOLI CORRELATI:

Villas Boas chiama Joao Mario
Villas Boas chiama Joao Mario
Boga fa impazzire anche la Juventus
Boga fa impazzire anche la Juventus
Cagliari, sfuma l'obiettivo Hagi
Cagliari, sfuma l'obiettivo Hagi
Rami saluta la Russia e cerca squadra
Rami saluta la Russia e cerca squadra
Sassuolo, Carnevali blinda Boga
Sassuolo, Carnevali blinda Boga
Dalla Francia: Milinkovic-Savic al PSG
Dalla Francia: Milinkovic-Savic al PSG
 
Le bellezze dell'Eicma 2016
Summer Rae
EICMA Girls 2015
Feliciano, nozze da fiaba
Juliana Lopez
Giada Girardi
Lena Gercke, Lady Khedira
CR7 e Cara a Monaco
Linda Morselli
Brittny Gastineau
Angelique Detavernier
Soraja Vucelic