Friedkin e stadio nuovo: Pallotta ne ha per tutti

"Offerta non accettabile", spiega il patron della Roma, che aggiunge: "Avremmo inaugurato l'impianto nuovo adesso".

Pallotta

James Pallotta torna a parlare della cessione della Roma e della trattativa con Dan Friedkin naufragata negli scorsi mesi. Lo fa attraverso una lunga intervista pubblicata sul sito della società, con il patron giallorosso che si è tolto diversi sassolini dalle scarpe.

"L'ultima offerta semi-concreta che abbiamo ricevuto, sulla quale dei dettagli sembrano essere trapelati da alcuni dei loro avvocati o banchieri, non era minimamente accettabile – ha infatti spiegato -. Il gruppo Friedkin si è avvicinato a noi lo scorso autunno e verso la fine dell'anno stavamo iniziando a trovare un accordo. Abbiamo approfondito i dettagli, nei quali spesso si nascondono le difficoltà, ma dopo le modifiche apportate dai loro avvocati e banchieri, l'offerta ha iniziato a trasformarsi in qualcosa di sempre meno appetibile sia per la Roma sia per il nostro gruppo di investitori".

"Non sono sicuro che le persone capiscano come si costruisce un accordo del genere, ma non funziona con il seller-financing – ha quindi affermato il patron giallorosso, entrando nel cuore della vicenda -. In fin dei conti, se voglio comprare una casa non mi aspetto che il venditore riduca il prezzo richiesto inizialmente per coprire i costi di tutte le ristrutturazioni che ho in mente di fare. Non è così che funziona".

"Abbiamo investito oltre 400 milioni di euro in questo progetto, una cifra considerevole, cercando sempre di fare la cosa giusta per la Roma", insiste Pallotta, che sembra però disposto a rilanciare: "Se il gruppo Friedkin avesse i soldi e volesse parlare ancora e avanzare un'offerta tale da essere ritenuta accettabile da tutti noi per la Roma, lo ascolteremmo. Potrebbero essere i proprietari ideali per la Roma? Forse. Non lo sappiamo".

Altro tema delicato, quindi, quello dei progetti societari degli ultimi anni: "Non ho preso un centesimo dal club, mai. Abbiamo investito. Anche nelle ultime settimane. Come parte del nostro investimento, abbiamo speso oltre 70 milioni di euro nel progetto dello stadio, che, secondo i miei piani, avrebbe dovuto essere inaugurato adesso. Avremmo dovuto giocare in quello stadio la prossima stagione. Forse ci stiamo avvicinando di nuovo, ma quante volte l'ho già detto o sentito? Ma forse, con i recenti sviluppi, siamo vicini all'approvazione davvero finale".

ARTICOLI CORRELATI:

Juventus, Pirlo è il nuovo allenatore
Juventus, Pirlo è il nuovo allenatore
Giampaolo:
Giampaolo: "Felice ed entusiasta"
Rangnick:
Rangnick: "Milan? Non sarebbe stato saggio"
Commisso dà il via libera a Chiesa
Commisso dà il via libera a Chiesa
Marotta non illude gli interisti su Messi
Marotta non illude gli interisti su Messi
C'è Kevin Lasagna per la Lazio
C'è Kevin Lasagna per la Lazio
 
Le bellezze dell'Eicma 2016
Summer Rae
EICMA Girls 2015
Feliciano, nozze da fiaba
Juliana Lopez
Giada Girardi
Lena Gercke, Lady Khedira
CR7 e Cara a Monaco
Linda Morselli
Brittny Gastineau
Angelique Detavernier
Soraja Vucelic