Diletta Leotta: “E’ stato un calciatore? Vedremo”

"Sospetti non ne ho. Mi piacerebbe che non si parlasse solo delle foto".

Diletta Leotta

La conduttrice di Sky Diletta Leotta dice la sua sulle voci che sarebbe stato un calciatore a rubare le sue foto private poi circolate in rete.

"E' stato un calciatore a rubare le mie foto? C'è una indagine in corso, sapremo chi è stato solo alla fine del lavoro della magistratura. Sospetti non ne ho. Non è stata un'esperienza facile, specie alla mia età. Ma sono stata forte, anche grazie alle persone che mi vogliono bene e che mi hanno spronata a reagire e a denunciare. Il vittimismo non serve, se sei tu la vittima: non ero io ad aver fatto qualcosa di male", le sue parole a Oggi.

In verità Diletta è il suo secondo nome: "Mi chiamo Giulia Diletta. Giulia come mia nonna paterna e Diletta come una protagonista di Via col vento, di cui mia mamma è appassionata. Quando sono nata, c'era il boom delle Giulia e all'asilo ero Giulia 4, per distinguermi da tre omonime. Non mi piaceva e ho chiesto di essere chiamata Diletta".

"Se dovessi intervistarmi che domanda mi farei? Mi piacerebbe che qualcuno mi chiedesse quanto ho studiato, quanta gavetta ho fatto, invece di parlare solo delle foto".

 

ARTICOLI CORRELATI:

L'ex moglie di Pirlo torna a parlare
L'ex moglie di Pirlo torna a parlare
Morata, matrimonio da favola a Venezia
Morata, matrimonio da favola a Venezia
La Suzuki 'invita' Belen a stare a casa
La Suzuki 'invita' Belen a stare a casa
Nozze Morata-Campello, ecco le fedi
Nozze Morata-Campello, ecco le fedi
Federica Pellegrini svela tutto:
Federica Pellegrini svela tutto: "Vivo da sola"
Maggiulli: botte dalla fidanzata della cugina
Maggiulli: botte dalla fidanzata della cugina
 
Le bellezze dell'Eicma 2016
Summer Rae
EICMA Girls 2015
Feliciano, nozze da fiaba
Juliana Lopez
Giada Girardi
Lena Gercke, Lady Khedira
CR7 e Cara a Monaco
Linda Morselli
Brittny Gastineau
Angelique Detavernier
Soraja Vucelic
Lancia Y Elle
Nina Agdal
Ashley Sky
Claudia Romani
Lala Gadea
Olya Abramovich